Ogni giorno è una nuova sfida

Julie Bringedal, operatore di produzione a Karmøy, in Norvegia.

Al centro del lavoro di BioMar ci sono i nostri operatori di produzione, che hanno il compito di tutelare la qualità e controllare che il processo sia adeguato per garantire l'associazione ideale tra materie prime sempre nuove, formule e condizioni di produzione. Julie Bringedal ama questo lavoro.

“Dall'esterno, il processo produttivo di BioMar può sembrare molto diretto e automatizzato. Ma per come lo vedo io, ogni giorno è una nuova sfida; non passano due giorni uguali e i dipendenti addetti alla produzione devono assumersi molte responsabilità e risolvere un'ampia gamma di problemi tecnici”, racconta Julie Bringedal.

Nel 2007, quando Julie entrò nella produzione di BioMar a Karmøy, in Norvegia, comprese che non sarebbe stato un posto in cui poter stare semplicemente a guardare e godersi la vita.

“Iniziai come apprendista nell'ambito della mia formazione di tecnico chimico e di procedure. Mi ci volle un bel po' di tempo solo per comprendere i procedimenti principali. A volte, arrivai perfino a dubitare di poter imparare l'intero flusso di produzione nel mio periodo di formazione di due anni”, spiega Julie.

“Lavoro qui dal 2007 e le sfide non finiscono mai. Dopo il periodo di formazione, venni assunta come operatore di produzione e ricoprii un ruolo temporaneo di team leader. E dopo la maternità sono tornata al mio vecchio team con un contratto part-time”.

“In realtà, se dovessi dare un consiglio a un candidato che sta pensando di lavorare alla produzione in BioMar direi: questo lavoro richiede di essere disposti ad assumersi responsabilità, essere pronti a imparare continuamente e a impegnarsi per trovare soluzioni ai problemi di ogni giorno e a sfide di produzione molto complesse. Se sei pronto a questo, allora BioMar è il posto in cui troverai sicurezza sul lavoro, intensa collaborazione e colleghi con cui stringere rapporti che vanno oltre il lavoro”, conclude Julie Bringedal.