Il nostro obiettivo è la sostenibilità – in ogni sacco di mangime

Il Gruppo BioMar è alla costante ricerca di soluzioni sostenibili per il settore di acquacoltura. Una iniziativa recente della fabbrica BioMar in Danimarca consiste nell’utilizzare per il mangime sacchi composti per il 75% di materia plastica riciclata.

 

Minimizzare l’impatto ambientale

Raggiungere la sostenibilità significa corrispondere alle richieste dell’uomo senza degradare l’ambiente naturale. Il Gruppo BioMar si dedica allo sviluppo di soluzioni nutrizionali innovative e di una acquacoltura mondiale sostenibile, minimizzando per quanto possibile l’impatto ambientale in tuti i segmenti del nostro business.

In questo contesto BioMar è orgogliosa di annunciare che nella fabbrica BioMar in Danimarca abbiamo deciso di utilizzare nella produzione della plastica per i nostri sacchi di mangime da 20 e 25 kg un minimo del 75 % di materia riciclata.

Anders Brandt-Clausen, Amministratore Delegato della BioMar in Danimarca, spiega:

 

"L’utilizzo di almeno il 75 % di materia riciclata nei nostri imballaggi è un passo in avanti verso un confezionamento più sostenibile. Poiché non possiamo rischiare di compromettere la qualità del mangime e la sicurezza alimentare, abbiamo scelto come primo passo un livello di inclusione prudente. Tuttavia, il nostro obiettivo è quello di aumentare in futuro la percentuale di inclusione di materia riciclata. Inoltre, il nuovo film plastico è composto da 5 strati, di cui il primo a partire dall’interno è di materiale nuovo, per essere ulteriormente sicuri di non compromettere la sicurezza alimentare."

 

Con questa nuova iniziativa, BioMar desidera garantire ai propri clienti sia una maggiore sostenibilità che una migliore funzionalità, in quanto i nuovi imballaggi sono costituiti da un film con tenuta fisica migliorata e più forte.   

 

La sostenibilità al centro dell’attenzione

La sostenibilità è stata presente nel DNA di BioMar fin dagli inizi nel 1962, quando un gruppo di allevatori costituì la BioMar con lo scopo di produrre mangime di qualità e con meno impatto rispetto al mangime umido, comunemente in uso a quel tempo. Da allora altre iniziative per migliorare la nostra sostenibilità si sono susseguite una dopo l’altra.      

 

Impegno per un obiettivo comune

Dal 2015 tutti gli Stati Membri dell’ONU hanno adottato gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile, come parte dell’Agenda dello Sviluppo Sostenibile per il 2030. Organizzazioni pubbliche e società private sono state fortemente incoraggiate a contribuire a questo urgente richiamo all’azione, in una collaborazione mondiale. BioMar ha accolto con entusiasmo questa iniziativa che si combina molto bene con il nostro proposito di innovare l’acquacoltura per un futuro sostenibile.    

Da allora BioMar si impegna per raggiungere il maggior numero di questi obiettivi. In particolare, BioMar si dedica a: azzeramento della fame (obiettivo 2), innovazione e infrastrutture (obiettivo 9), consumo e produzione responsabili (obiettivo 12), vita in acqua (obiettivo 14) e vita sulla terra (obiettivo 15).

 

"In BioMar abbiamo molte iniziative che sono idonee per raggiungere questi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Per noi, contribuire alla produzione di cibo sostenibile, sano e salutare per la popolazione mondiale viene prima di tutto – spiega Anders Brandt-Clausen e continua: Crediamo che ogni sviluppo, che sia grande o piccolo, come il nuovo imballaggio con almeno il 75 % di materiale riciclato, possa servire da esempio per un’ampia gamma di iniziative simili per un futuro migliore."

 

Gli acquacoltori che ricevono i mangimi prodotti dalla BioMar Danimarca possono essere sicuri di vedere questo nuovo imballaggio da Maggio 2020 in poi. Ci auguriamo che i nostri clienti possano accogliere positivamente questa iniziativa.