LARVIVA ORBIT – Migliora la performance nelle avannotterie marine con RAS

I sistemi RAS si espandono nelle avannotterie marine e ciò richiede una particolare attenzione a caratteristiche specifiche del mangime, quali la stabilità delle feci. BioMar presenta LARVIVA ORBIT, il suo nuovo alimento sviluppato specificamente per le avannotterie marine con RAS. La disponibilità sul mercato di LARVIVA ORBIT è prevista per il primo trimestre del 2020. Dalla primavera 2020, le avannotterie di spigole e orate avranno a disposizione i mangimi ORBIT, particolarmente ideati per prolungare la crescita degli avannotti nelle strutture a terra prima del loro trasferimento nelle gabbie a mare. 

 

Sviluppo di prodotto guidato dall’innovazione e dal risultato eccellente

Tradizionalmente lo sviluppo di un prodotto è costituito dalla sua trasformazione da una opportunità di mercato ad una disponibilità per la vendita, con il tipico approccio spesso orientato al mercato e prodotti specificamente sviluppati per soddisfare una necessità del cliente o per esplorare una nicchia di mercato. Per una ditta innovativa come BioMar la motivazione è rappresentata dalle idee che provengono da fonti diverse, che vanno dai dipartimenti Ricerca & Sviluppo (R&D) alla Qualità e Vendite. Queste idee rispondono alle necessità degli allevatori, risolvono difficoltà produttive, consolidano le soluzioni apportate precedentemente, oppure sono totalmente innovative. Per esempio, poiché l’acquacoltura si sta spostando verso sistemi di produzione alimentare sostenibili dal punto di vista economico ed ambientale, le avannotterie marine vedono aumentare la tendenza verso il passaggio a sistemi di acquacoltura a ricircolo (RAS). Ci si aspetta che questo cambio possa ridurre i rallentamenti nelle avannotterie e accorciare i cicli produttivi, per via di una qualità dell’acqua più stabile, minori costi di riscaldamento o raffreddamento e migliore pianificazione aziendale. Si possono prevedere anche numerosi vantaggi nella logistica, correlati soprattutto con la vaccinazione degli avannotti e con le maglie più larghe nelle gabbie da ingrasso, poiché gli avannotti saranno trasferiti in mare a taglie più grandi. Malgrado questa espansione delle avannotterie marine verso i RAS ed il concomitante progresso delle tecnologie connesse, lo sviluppo dei mangimi dedicati alle avannotterie con RAS è stato ampiamente sottovalutato. 

Con l’idea di sviluppare un mangime innovativo, specifico per le avannotterie marine con RAS, BioMar ha tratto vantaggio dalla sua forte esperienza nei mangimi per RAS. La gamma ORBIT di mangimi specializzati per acqua dolce ha fornito le pietre miliari del nuovo prodotto basato sui concetti: nutrizione, qualità dei pellet e stabilità delle feci. I primi due concetti erano già presenti nella gamma di mangimi per nursery LARVIVA di BioMar dedicati a larve e avannotti, più specificamente nei mangimi INICIO Plus M con il loro rapporto ottimale tra proteine ed energia, con la loro composizione perfettamente bilanciata degli aminoacidi e con la loro selezione di materie prime. Pertanto, l’attenzione sullo sviluppo del nuovo prodotto – LARVIVA ORBIT – si è concentrata sulla stabilità fecale. 

 

Differenza (%) nella concentrazione di particelle fecali minori di 60 μm in avannotti di orata e spigola alimentati con INICIO Plus M standard e con INICIO Plus M standard addizionato con 0.2 – 0.4 o 0.6% del pacchetto ORBIT. Lettere differenti indicano differenze statisticamente rilevanti (p < 0.05).

Figura 1. Differenza (%) nella concentrazione di particelle fecali minori di 60 μm in avannotti di orata e spigola alimentati con INICIO Plus M standard e con INICIO Plus M standard addizionato con 0.2 – 0.4 o 0.6% del pacchetto ORBIT. Lettere differenti indicano differenze statisticamente rilevanti (p < 0.05).   

 

Stabilità nella struttura fecale con LARVIVA ORBIT

Il passo successivo nel processo di BioMar per lo sviluppo di un mangime specifico per le avannotterie marine in RAS è stato una profonda valutazione della Ricerca & Sviluppo, che ha compreso molteplici prove in piccola scala condotte esternamente con partner di ricerca. Una di queste prove in scala ridotta è stata condotta presso CTAQUA (Cadice, Spagna) per verificare gli effetti di LARVIVA ORBIT sulla stabilità fecale, che è la chiave per la rimozione efficace delle feci con filtri meccanici e per la riduzione del carico sui biofiltri in RAS. Per questo scopo, sono stati somministrati quattro diversi mangimi ad avannotti di orate e spigole, in quattro repliche (per specie e per mangime) con mangime INICIO Plus M come formulazione base e con l’aggiunta di livelli diversi del pacchetto ORBIT (rispettivamente allo 0 - 0.2 - 0.4 e 0.6%). Dopo 60 giorni il numero di particelle fecali minori di 60 μm è diminuito significativamente nelle vasche in cui è stato usato il pacchetto ORBIT (Figura 1). Inoltre, anche la concentrazione di particelle fecali minori di 30 μm è diminuita notevolmente e tale diminuzione è stata tanto più evidente quanto maggiore è stata l’aggiunta del pacchetto ORBIT. Questa riduzione nella concentrazione di particelle fecali in sospensione ha dimostrato l’effetto combinato di INICIO Plus M standard e di ORBIT nel migliorare la stabilità della struttura fecale, mantenendo nel contempo la performance di crescita del pesce, sostenendo in questo modo l’ulteriore sviluppo e la sperimentazione di LARVIVA ORBIT.

Dopo le prove di Ricerca & Sviluppo in piccola scala, il processo di sviluppo di prodotto di BioMar si è spostato nell’area di BioFarm, in cui sono condotte le prove in larga scala prima del lancio del prodotto. Una prima prova su vasta scala è stata condotta per confermare l’effetto di LARVIVA ORBIT sulla stabilità fecale in avannotti di spigola (da 6 a 15 g di peso corporeo) alimentati con due mangimi: Standard (INICIO Plus M) e LARVIVA ORBIT. Sono state impiegate tre vasche, ciascuna con 165.000 spigole per valutare la stabilità fecale dopo 15 giorni. Questa stabilità è stata valutata sia visivamente, usando il sistema di punteggio di BioMar, sia numericamente con la distribuzione della grandezza delle particelle. Come parametri per la qualità dell’acqua sono stati valutati anche i solidi sospesi totali (TSS) e la domanda biologica di ossigeno (BOD). Nelle vasche in cui il pesce è stato alimentato con il mangime standard, le emissioni fecali apparivano “polverose” con particelle intatte piccole o non visibili ed il 60% delle particelle più piccole di 63 μm. Al contrario, nelle vasche con pesci alimentati con LARVIVA ORBIT, gli scarti fecali sono stati chiaramente visibili ed intatti, con l’82% delle particelle più grandi di 63 μm (Figura 2). Oltre alla riduzione del 35% nelle particelle fecali minori di 63 μm, anche gli indici TSS e BOD sono diminuiti notevolmente nelle vasche alimentate con LARVIVA ORBIT.

 

La stabilità delle feci è stata valutata in termini di distribuzione della grandezza delle particelle (% delle particelle in ciascuna classe di grandezza da 2 a 390 μm, grafico al centro) e classifica visuale delle feci (sia scarto fecale in matrice polverosa, circolo grigio in basso a sinistra, sia parti fecali chiaramente visibili, circolo blu in alto a destra). Sono riportati anche i benefici di una maggiore proporzione di particelle fecali maggiori di 63 μm sulla stabilità, sulla performance e la regolarità del RAS.

Figura 2. Effetto di LARVIVA ORBIT sulla struttura delle feci in avannotti di spigola (da 6 a 15 grammi di peso corporeo). La stabilità delle feci è stata valutata in termini di distribuzione della grandezza delle particelle (% delle particelle in ciascuna classe di grandezza da 2 a 390 μm, grafico al centro) e classifica visuale delle feci (sia scarto fecale in matrice polverosa, circolo grigio in basso a sinistra, sia parti fecali chiaramente visibili, circolo blu in alto a destra). Sono riportati anche i benefici di una maggiore proporzione di particelle fecali maggiori di 63 μm sulla stabilità, sulla performance e la regolarità del RAS.

 

LARVIVA ORBIT: un alimento specializzato per migliorare la performance in RAS

Attualmente sono in corso ulteriori prove su larga scala per confermare il successo di LARVIVA ORBIT nel mantenere gli alti livelli nella crescita e nella salute del pesce, nell’ottimizzare l’efficienza del biofiltro RAS e la produttività ed infine nel mantenere la stabilità del RAS che comporta la regolarità della produzione, riduce i costi di gestione ed aumenta la produttività e la redditività totale per l’allevatore. Questa conferma della riuscita di LARVIVA ORBIT è l’ultimo passo per il suo sviluppo prima del lancio commerciale, che è atteso per il primo trimestre 2020. Lo sviluppo di LARVIVA ORBIT da parte di BioMar – cioè il suo mangime specializzato per avannotterie marine in RAS – mostra chiaramente un processo nello sviluppo di prodotto che confida nel lavoro di gruppo e nell’esperienza multidisciplinare e che è Rafforzato dalla Collaborazione e Guidato dall’Innovazione.

 

Questo articolo è stato anche pubblicato HatcheryFeed Magazine (Vol 7 Issue 4 2019).